LA FENICE

Centro di Psicologia e Psicoterapia

Dipendenza affettiva

L’indipendenza totale è una condizione difficilmente raggiungibile e non auspicabile: tutti dipendiamo in qualche misura da coloro con i quali abbiamo una relazione e ricerchiamo approvazione, affetto, attenzione. La dipendenza affettiva, tuttavia, rappresenta una vera e propria patologia, in grado di compromettere fortemente l’autonomia, l’autorealizzazione e il benessere individuale. La dipendenza affettiva, infatti, presenta diverse caratteristiche in comune con le dipendenze in generale ma se ne distingue per un dato essenziale: essa si sviluppa nei confronti di un’altra persona e, di conseguenza, risulta difficilmente riconoscibile.

dipendenza affettiva cuore tra le corde

La persona dipendente dedica tutto sé stesso all’altro, con l’obiettivo di perseguire il suo benessere e non il proprio: si tratta, spesso, di una forma di amore a senso unico, priva di quella reciprocità necessaria in una relazione sana, che determina uno stato di malessere psicologico o fisico a chi ne soffre.

Chi ha sviluppato una forma di dipendenza affettiva è incapace di riconoscere i propri bisogni, tende a subordinarli a quelli dell’altro e a non riuscire, dunque, a prendersi cura di sé stesso, a ritagliarsi un proprio spazio di autodeterminazione e crescita personale. In secondo luogo, il dipendente soffre di un profondo senso di inadeguatezza che si estrinseca in un costante atteggiamento negativo nei confronti di sé stesso e nella convinzione di dover essere diligenti e amabili pur di ottenere l’amore dell’altro, sacrificando completamente sé.

Le caratteristiche di una dipendenza affettiva

L’amore dipendente si mostra con una serie di caratteristiche:

  •  è ossessivo e presenta la tendenza a non lasciare spazi personali
  •  si basa su continue richieste di devozione totale da parte della persona amata
  •  si chiude rispetto alle esperienze esterne, nella convinzione di dover preservare la relazione e nella paura che possa esserci qualche cambiamento destabilizzante

Il primo passo per superare un problema di dipendenza affettiva è riconoscere che si sta vivendo una situazione non sana, il che spesso avviene soltanto nel momento in cui si è toccato il fondo e tutt ele illusioni e le speranze nutrite fino a quel momento vengono meno. È utile allora avvalersi di un supporto psicologico o psicoterapeutico per districarsi da questa rete e ricominciare ad avere un rapporto benefico con sé stessi e con l’altro.

 

Per saperne di più leggi l’articolo di Pietro Priorini sulla Dipendenza Affettiva