Disturbi del comportamento alimentare: caratteristiche e incidenza

I disturbi dell’alimentazione sono caratterizzati dalla presenza di alterazioni del comportamento alimentare. In essi è implicita una difficoltà nella regolazione degli affetti e conseguentemente nella regolazione del pensiero e del comportamento. Statisticamente i disturbi alimentari sono maggiormente diffusi in età adolescenziale e, in particolare, tra le ragazze. L’età maggiormente a rischio si attesta tra i 15 e i 25 anni; ciò non toglie che vi siano casi, seppur rari, di esordi in età infantile che si manifestano solitamente con preoccupazioni per il cibo e l’aspetto fisico molto simili a quelle degli adolescenti, mentre sono assenti o comunque rare crisi bulimiche e casi di vomito autoindotto.

Classificazione dei disturbi alimentari

I disturbi del comportamento alimentare si dividono in due categorie, tra di loro distinte per sintomi e incidenza:

  • anoressia nervosa
  • bulimia nervosa

disturbi alimentari

Disturbi alimentari: l’anoressia nervosa

L’anoressia nervosa si caratterizza per un rifiuto del cibo, che scivola in casi di forte restrizione alimentare o di vero e proprio digiuno, e da un’ossessione per le forme del proprio corpo e per il peso. La persona affetta da anoressia nervosa presenta un’estrema magrezza, non costituzionale ma volontaria, al di sotto della soglia ritenuta normopeso, e rifiuta categoricamente di portare il proprio peso al di sopra. Ciò si accompagna ad una forte paura di ingrassare, anche nel caso in cui sia evidente una condizione di sottopeso e un rapporto distorto con la propria immagine corporea, che va ad incidere profondamente sull’autostima.

Nei pazienti di sesso femminile, inoltre, l’anoressia nervosa può causare l’amenorrea, cioè la sospensione del ciclo mestruale. A livello psicologico questo particolare disturbo si associa ad uno stato di ansia e può portare anche a crisi depressive, che si protraggono nel tempo anche dopo la guarigione.

Disturbi alimentari: la bulimia nervosa

La bulimia nervosa si manifesta, invece, attraverso altri sintomi quali

  • Assunzione di grandi quantità di cibo in un lasso di tempo ridotto, accompagnata dalla sensazione di perdere completamente il controllo
  • Comportamenti di compenso come l’assunzione di diuretivi e lassativi, una gran quantità di attività fisica oppure il vomito autoindotto per combattere l’assunzione di peso

Queste due dinamiche in stretta correlazione tra di loro rappresentano un circolo che si autoalimenta e perpetua nel tempo con abbuffate, cui consegue pentimento e tentativi di compensare l’eccesso attraverso strumenti di intervento drastici (vomito, attività fisica etc.).

Spesso chi soffre di disturbi alimentari tende a non chiedere aiuto, perché non si riconosce il problema o perché si prova un forte senso di vergogna.

I disturbi alimentari sul sito del Ministero della Salute

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.